Il fotografo non è il soggetto, ma è la sua presenza, a definire il soggetto.

Tratto da una story IG di Toni Thorimbert in riferimento alla fotografia “New York City, 1966” di Lee Friedlander.