Elenco obiettivi 50mm Sony full frame – Tutti i “cinquantini” Sony (e qualche alternativa)

Con l’uscita del Sony 50mm f/1.4 GM, siamo a 8 cinquantini (e dintorni) presenti in casa Sony. Ecco qui di seguito l’elenco!

Come sempre, ho messo i link (link affiliati Amazon che mi aiutano a portare avanti il mio progetto) per comodità, ma verificate sempre che sia il modello corretto prima di ogni acquisto!!

Qualche alternativa non-Sony (AF):

Qualche alternativa con fuoco manuale:

Ultimo aggiornamento: 04/09/2023

Elenco grandangoli Sony full frame

Cercate un grandangolo per la vostra Sony Full Frame?

Quello che segue è una raccolta, che ho fatto nel tempo, di obiettivi grandangolari per Sony Full Frame (FE) E-Mount. Siete pregati di non fare copia e incolla ma di linkare questo articolo qualora vogliate usarlo. GRAZIE.

Lo so, è un elenco infinito. Ho cercato di mettere in alto le principali marche, ma se avete già un brand in mente, vi conviene fare un bel “trova…” all’interno della pagina.

IMPORTANTE: per comodità ho messo i link, ma prima di ogni acquisto verificate attentamente che sia l’obiettivo corretto per voi!! Non mi assumo responsabilità per eventuali acquisti errati ;) Tali link sono affiliati Amazon. Pertanto, se compri qualcosa, tu non spenderai nemmeno un centesimo in più, e io riceverò una piccolissima percentuale dagli acquisti idonei, che mi aiuterà a realizzare contenuti gratuiti come questo! :)

Nota sui prezzi che ho cominciato a mettere: sono puramente indicativi e aggiornati al primo trimestre del 2023.

Ultimo aggiornamento: 01/03/2024

Sony

Prime

Sony FE 14mm f/1.8 GM (1550 € circa)
Sony FE 20mm f/1.8 G (900 € circa)
Sony FE 24mm f/1.4 GM (1450 € circa)
Sony FE 24mm f/2.8 G (600 € circa)
Sony FE 28mm f/2.0 (370 € circa)
Convertitore da 28mm a 16mm
Convertitore da 28mm a 21mm
Sony FE 35mm f/1.4 GM (1500 € circa)
Sony FE 35mm f/1.4 ZA Distagon T* (950 € circa)
Sony FE 35mm f/1.8 (610 € circa)
Sony FE 35mm f/2.8 ZA Sonnar T* (550 € circa)

Zoom

Sony FE 12-24mm f/2.8 GM (2900 € circa)
Sony FE 12-24mm f/4 G (1700 € circa)
Sony FE 16-25 f/2.8 (SEL1625G) (1400 € circa)
Sony FE 16-35mm f/2.8 GM (1900 € circa)
FE 16-35 mm F2.8 GM II (SEL1635GM2) (2600 € circa)
Sony FE PZ 16-35mm f/4 G (1250 € circa)
Sony FE 16-35mm f/4 ZA Vario-Tessar T* OSS (1000 € circa)
Sony FE C 16-35 mm T3.1 (Cine Zoom)
Sony FE 20-70mm f/4 G (1450 € circa) [*]
Sony FE 24-50mm f/2.8 G (SEL2450G) (1300 € circa) [*]

[*] Inseriti in elenco anche se non è strettamente un grandangolo…

Sigma

Sigma 14mm f/1.4 DG DN Art (1600 € circa)
Sigma 14mm f/1.8 DG HSM Art (1450 € circa)
Sigma 20mm f/1.4 DG HSM Art (900 € circa)
Sigma 24mm f/1.4 DG HSM Art (800 € circa)
Sigma 28mm f/1.4 DG HSM Art

Sigma 20mm f1.4 DG DN Art
Sigma 20mm f/2 AF (C) DG DN (600 € circa)
Sigma 24mm f1.4 DG DN Art
Sigma 24mm f/2 AF (C) DG DN (650 € circa)
Sigma 24mm f/3.5 DG DN
Sigma 35mm f/1.2 AF (A) DG DN (1400 € circa)
Sigma 35mm f/1.4 AF (A) DG DN (800 € circa)
Sigma 35mm f/2 AF (C) DG DN (650 € circa)

Sigma 14-24mm f/2.8 DG DN Art (1450 € circa)
Sigma 16-28mm f/2.8 DG DN (900 € circa)

Sigma 14mm T2 Art (Cine)
Sigma 20mm T1.5 Art (Cine)
Sigma 24mm T1.5 Art (Cine)
Sigma 28mm T1.5 Art (Cine)
Sigma 35mm T1.5 Art (Cine)

Tamron

Tamron 20mm f/2.8 Di III OSD M 1:2 (400 € circa)
Tamron 24mm f/2.8 Di III OSD M 1:2 (300 € circa)
Tamron 35mm f/2.8 Di III OSD M 1:2 (350 € circa)

Tamron 17-28mm f/2.8 Di III RXD (900 € circa)
Tamron 20-40mm f2.8 Di III VXD (830 € circa)

Samyang/Rokinon

Samyang AF 14mm f/2.8 (300 € circa)
Samyang AF 18mm f/2.8 (300 € circa)
Samyang AF 24mm f/1.8 (480 € circa)
Samyang AF 24mm f/2.8 (230 € circa)
Samyang AF 35mm f/1.4 (520 € circa)
Samyang AF 35mm f/1.4 II (520 € circa)
Samyang AF 35mm f/1.8 (400 € circa)
Samyang AF 35mm f/2.8 (260 € circa)

Samyang V-AF 20mm T1.9 (Cine) – In arrivo 2023
Samyang V-AF 24mm T1.9 (Cine) – In arrivo 2023
Samyang V-AF 35mm T1.9 (Cine) – In arrivo 2023
Samyang AF 24mm T1.9 (Cine)

Samyang 12mm f/2.8 ED NCS Fisheye (M)
Samyang 14mm f/2.8 ED AS IF UMC (M)
Samyang 14mm f/2.8 II WS (M)
Samyang 20mm f/1.8 (M)
Rokinon 24mm f/1.4 (M)
Rokinon 24mm f/3.5 Tilt-Shift (M)
Rokinon 35mm f/1.4 AS UMC (M)

Rokinon 20mm T1.9 (M)

Viltrox

Viltrox AF 16mm f/1.8 (599 € circa)
Viltrox AF 20mm f/2.8 (179 € circa)
Viltrox PFU RBMH 20mm f/1.8 ASPH (515 € circa)
Viltrox AF 24mm f/1.8 (419 € circa)
Viltrox AF 28mm f/1.8 (435 € circa)
Viltrox AF 35mm f/1.8 (435 € circa)

Viltrox S 20mm T2.0 (Cine) (570 € circa)

Lensbaby

Lensbaby Velvet 28mm f/2.5 Macro 1:2 (570 € circa)
Lensbaby Trio 28mm f/3.5
Lensbaby Burnside 35mm f/2.8
Lensbaby Composer Pro II + Edge 35mm f/3.5 (560 € circa)
Lensbaby Composer Pro II + Sweet 35mm f/2.5 (410 € circa)

NiSi

NiSi 15mm f/4 ASPH (480 € circa)

Meyer Optik Goerlitz

Meyer Optik Goerlitz Lydith 30mm f3.5 II
Meyer Optik Goerlitz Trioplan 35mm f2.8 II

Tokina

Tokina FiRIN 20mm f/2 AF (500 € circa)
Tokina FIRIN 20mm f/2 MF (620 € circa)

Tokina 18mm T1.5 Vista (Cine)
Tokina 21mm T1.5 Vista (Cine)
Tokina 25mm T1.5 Vista (Cine)
Tokina 29mm T1.5 Vista (Cine)
Tokina 35mm T1.5 Vista (Cine)

Tokina 16-28mm T3 II (Cine)

Venus Optics

Venus Optics Laowa 9mm f/5.6 FF RL
Venus Optics Laowa 10mm f/2.8 Zero-D FF Autofocus
Venus Optics Laowa 11mm f/4.5 FF RL (900 € circa)
Venus Optics Laowa 12mm f/2.8 Zero-D
Venus Optics Laowa 14mm f/4 FF RL Zero-D
Venus Optics Laowa 15mm f/2 Zero-D (830 € circa)
Venus Optics Laowa 15mm f/4 Macro (600 € circa)
Venus Optics Laowa 15mm f/4.5 Zero-D Shift
Venus Optics Laowa 15mm f/4.5R Zero-D Shift
Venus Optics Laowa 20mm f/4 Zero-D Shift
Venus Optics Loawa 24mm f14 Probe Macro 2:1
Venus Optics Laowa 25mm f/2.8 2.5-5x Ultra Macro (570 € circa)
Venus Optics Laowa 28mm f/1.2 FE
Venus Optics Laowa Argus 35mm f/0.95 FF
Venus Optics Laowa Argus 45mm f/0.95 FF

Venus Optics Laowa 10-18mm f/4.5-5.6 (820 € circa)
Venus Optics Laowa 12-24mm f/5.6 (630 € circa)

Venus Optics Laowa 12mm T2.9 Zero-D (Cine)
Venus Optics Laowa 14mm f14 Probe CMod (Cine)
Venus Optics Laowa 15mm T2.1 Zero-D (Cine)

Voigtlander

Voigtlander 10mm f/5.6 (1200 € circa)
Voigtlander 15mm f/4.5
Voigtlander 21mm f/1.4 Nokton (1400 € circa)
Voigtlander 21mm f/3.5 Color-Skopar
Voigtlander 35mm f/1.2 Nokton
Voigtlander 35mm f/1.4 Nokton Classic
Voitglander 35mm f/2 APO-Lanthar

Zeiss

Zeiss Batis 18mm f/2.8 (1150 € circa)
Zeiss Loxia 21mm f/2.8 (MF) (1400 € circa)
Zeiss Biogon 21mm f/4.5 ZM
Zeiss Batis 25mm f/2 (1050 € circa)
Zeiss Loxia 25mm f/2.4 (MF)
Zeiss Loxia 35mm f/2 (MF) (870 € circa)

Zeiss CP.3 15mm T2.9 Compact
Zeiss CP.3 18mm T2.9 Compact
Zeiss CP.3 21mm T2.9 Compact
Zeiss CP.3 25mm T2.1 Compact
Zeiss CP.3 28mm T2.1 Compact
Zeiss CP.3 35mm T2.1 Compact

Zeiss 15-30mm CZ.2

Altre marche

7Artisans 9 mm f/5.6 (540 € circa)
7Artisans 10mm f/2.8
7Artisans 28mm f/1.4
7Artisans 35mm f/2 MF
7Artisans 35mm f/5.6 Pancake

AstrHori 12mm f/2.8 Fisheye FF
AstrHori 18mm f/8 FF
AstrHori 28mm f/13 2x Macro FF

Brightin Star 23mm f/5.6

DZOFilm Catta Ace 18-35mm T2.9

Irix 11mm T4.3 (Cine)
Irix 15mm T2.6 (Cine)
Irix 21mm T1.5 (Cine)
Irix 30mm T1.5 (Cine)

Kipon 24mm f/2.4
Kipon 35mm f/2.4 Review

Kipon Colibri 24mm T2.5 (Cine)
Kipon Colibri 35mm T2.5 (Cine)

Meike 16mm T2.5 (Cine)
Meike 24mm T2.1 (Cine)
Meike 35mm T2.1 (Cine)

Mitakon Creator 35mm f/2

Oshiro 35mm f/2 LD UNC AL

Pergear 35mm f/1.4

Rockstar 35mm f/1.8

Sirui 35mm T2.9 1.6x

SLR Magic 18mm f/2.8 (Cine)
SLR Magic MicroPrime 18mm T2.8 (Cine)
SLR Magic MicroPrime 21mm T1.6 (Cine)
SLR Magic 25mm f/1.4 (Cine)
SLR Magic 35mm f/1.2 (Cine)
SLR Magic 35mm T1.3 (Cine)
SLR Magic MicroPrime 35mm T1.5 (Cine)

TTArtisan 11mm f/2.8 Fisheye MF
TTArtisan 21mm f/1.5

Yasuhara Anthy 35mm f1.8

Yongnuo 16mm f/1.8S DSM
Yongnuo 35mm f/2R DF DSM

Zenit Zenitar 35mm f/2

Miglior kit per la pulizia del sensore

Se cercate il miglior kit per la pulizia del vostro sensore full frame siete nel posto giusto!

Una doverosa premessa: non mi assumo la responsabilità in caso di danni al vostro sensore o alla vostra fotocamera. Se decidete di procedere in autonomia con la pulizia del sensore, lo fate a vostro rischio e pericolo! Se non siete sicuri o se avete qualche dubbio, rivolgetevi a un centro specializzato!

Detto questo, vi confesso che io ho sempre fatto in autonomia la pulizia del sensore, ovviamente prestando l’assoluta attenzione a tutto quello che stavo facendo.

Metterò qui di seguito:

  • Il materiale per pulire la fotocamera e il sensore.
  • I passi che svolgo per pulire il sensore.
  • Il metodo per verificare se il sensore è ancora sporco.

I link Amazon che seguono sono affiliati. Pertanto, se compri qualcosa, tu non spenderai nemmeno un centesimo in più, e io riceverò una piccolissima percentuale dagli acquisti idonei, che mi aiuterà a realizzare contenuti gratuiti come questo! :)

Materiale utilizzato (il miglior kit di pulizia del sensore, secondo me)

Ecco qui di seguito il miglior kit di pulizia del sensore, secondo me:

Ho scelto tutti prodotti K&F Concept non perché io sia affiliato con loro ma perché la reputo un’azienda che fa prodotti molto validi (come filtri, adattatori, zaini e altri accessori) e, anche in questo caso, valutati molto bene.

Nota: ho visto che hanno un nuovo prodotto che fa da penna+pennellino da una parte e da tampone dall’altra:
https://amzn.to/3SHfZ8n o questo in kit con la pompetta: https://amzn.to/4bgDrzD. Personalmente NON è stata la mia scelta perché credo che, pur essendo valutato decisamente bene da migliaia di utenti, usare questo strumento per spolverare il corpo e l’obiettivo, e poi per pulire il sensore potrebbe far cadere della polvere sul sensore stesso. Il pennellino, anche se chiuso, sarebbe sulla parte alta della “penna” mentre si usa il tampone.

Passi che svolgo per la pulizia del sensore

Come pulisco il sensore della mia mirrorless:

  • Pulisco l’esterno della fotocamera e dell’obiettivo utilizzando prima il pennellino e poi la pompetta. Lo faccio in un luogo differente da quello in cui poi pulirò il sensore (questo per non rischiare di rilasciare polvere nel luogo in cui opererò successivamente). N.B.: questa non dovrà essere una pulizia accurata, mi serve solo per rimuovere polvere o sporcizia che potrebbe andare sul sensore maneggiando la fotocamera durante le fasi di pulizia.
  • Mi assicuro che il luogo e il ripiano in cui sto operando sia il più possibile esente da polvere.
  • Uso la funzione di autopulizia della fotocamera (quella che fa vibrare il sensore): ci provo sempre, ma, purtroppo, il 100% delle volte non ha mai tolto niente, nemmeno la polvere apparentemente più semplice da rimuovere. Lo faccio sempre nella speranza che qualcosa prima o poi cambi, ma è sempre stato inutile.
    Verifico tramite la procedura descritta sotto la presenza/assenza di sporcizia. Nel caso, proseguire con gli altri punti (io proseguo sempre).
  • Alcuni modelli di fotocamere non hanno subito il sensore in vista, per questo motivo bisogna attivare una funzione della fotocamera che permette di esporre il sensore.
  • Tenendo la fotocamera rivolta verso il basso, posso rimuovere l’obiettivo.
  • Soffio, con la pompetta, sul sensore accuratamente e molte volte (una decina). Attenzione: non farlo MAI con la bocca e MAI con l’aria compressa!
    Verifico sempre tramite la procedura descritta sotto la presenza/assenza di sporcizia. Nel caso, proseguire con la lettura.
  • (Opzionale) Se la tua fotocamera necessita di restare accesa durante la procedura di pulizia del sensore, disabilita la stabilizzazione del sensore e assicurati che la batteria sia carica.
  • A questo punto, rivolgo il sensore verso l’alto (in questo caso devo guardare quello che faccio), prendo un tampone (vedi il kit descritto nel paragrafo precedente) facendo attenzione a non toccare la parte bianca con le mani, e faccio prima una passata (una leggera pressione, non premete troppo!) sul sensore partendo dal bordo sinistro a quello destro, inclinando il manico verso destra, e poi una seconda passata sul sensore partendo dal bordo destro a quello sinistro, inclinando il manico verso sinistra.
    Due note a riguardo:
    • Probabilmente noterete che il tampone è leggermente più piccolo del sensore, per questo motivo do la prima passata “costeggiando” il bordo inferiore del sensore e la seconda passata “costeggiando” il bordo superiore.
    • C’è chi sostiene che la seconda passata potrebbe riportare la polvere (portata precedentemente da sinistra a destra) nuovamente verso l’interno. Per questo motivo danno due passate da sinistra a destra girando però il tampone per utilizzare l’altro profilo. Personalmente non ho riscontrato problemi con entrambe le soluzioni. Vi direi di fare come preferite.
  • Verifico ancora tramite la procedura descritta sotto la presenza/assenza di sporcizia. Nel caso, proseguire con gli altri punti (io proseguo sempre).
  • (Il passo a cui bisogna prestare più attenzione) Solitamente non mi è servito proseguire, ma ecco anche l’ultimo punto che è fondamentalmente il passo precedente ma da effettuare con un NUOVO tampone (non si usa due volte lo stesso tampone!) a cui si applicano due gocce del liquido di pulizia; devono essere due gocce totali (non un litro!), messe ad es. a circa un terzo e due terzi della lunghezza del bordo del tampone, per fare espandere uniformemente il liquido. Attenzione: non mettere il liquido direttamente sul sensore!!
    Solo se si notano degli aloni o delle striature, ripetere il processo dopo qualche minuto, con meno liquido.

Metodo per verificare se il sensore è sporco

  • Utilizzo un obiettivo intorno ai 24-30mm
  • Metto sul computer un’immagine totalmente bianca, o utilizzo una parete bianca, o il cielo.
  • Imposto un diaframma molto chiuso (es. f/11 – f/16 – f/22)
  • Imposto ISO 100
  • Metto fuori fuoco (ad es. a infinito)
  • Aggiusto i tempi in modo che l’immagine sia chiara ma non bruciata. L’ideale è usare un tempo abbastanza lungo (es. intorno a 1 secondo)
  • Disabilito la stabilizzazione
  • Inquadro il PC o il muro
  • Se i tempi non sono già troppo lunghi per avere un leggero mosso da “fermi”, muovo leggermente (pochissimo eh?!) la fotocamera quando scatto per localizzare ancora meglio la sporcizia
  • Verifico sulla fotografia (meglio se usando il PC) se sono presenti macchie o linee causate da polvere o aloni.

Link

Miglior obiettivo per safari in Africa

Una bella domanda ricorrente che leggo sui gruppi di fotografia è: devo andare a fare un safari in Africa / Kenya / Tanzania / Sudafrica,… qual è il miglior obiettivo che posso portare?

Ah, no, dimenticavo due premesse:

  • Dopo tutto lo spiegone teorico, in fondo ho scritto l’attrezzatura che ho portato io nel mio viaggio fotografico in Sudafrica e ancora dopo il mio obiettivo “best buy”, quello che consiglio e alcune alternative. Se ti interessa prendere spunto, dagli un’occhiata.
  • Gli obiettivi che cito sono di casa Sony perché il mio corredo è Sony, ma se hai altre marche puoi guardare benissimo la focale dei miei obiettivi e cercare quello che fa al caso tuo.

Ma partiamo a bomba. :)

Non mi stancherò mai di dire che:

l’obiettivo non dipende dal luogo, dipende dal proprio obiettivo.

Con questo gioco di parole voglio dare un insegnamento (quello che avrei voluto io quando ho iniziato a studiare fotografia), cioè che dovete prima di tutto chiedervi qual è il vostro obiettivo, il vostro scopo comunicativo, il messaggio che volete dare con la vostra fotografia, con il vostro linguaggio. E solo dopo, in base a questo, avviene la scelta dell’obiettivo fotografico da portare in un viaggio, qualsiasi esso sia.

Poi, ormai, “purtroppo”, aggiungerei, i safari sono diventati talmente “invadenti” che si arriva a pochissimi metri dagli animali, ma non tutti. Infatti ci sono animali che tengono più le distanze e altri che vi arrivano a pochi metri. Pertanto capirete anche voi che è difficile per qualsiasi super esperto di fotografia rispondere a questa domanda. Ci possono essere situazioni differenti l’una dall’altra.

La stragrande maggioranza delle persone che si permette di dare consigli, vi dirà quale, secondo lui, è obiettivo migliore ma sottintendendo che è stato il migliore per il proprio tipo di fotografia e proprio scopo (sempre se ne avevano uno). Volete imitare o dire la vostra?

Fatte queste considerazioni e premesse, passo a dare altri spunti utili:

Durante un safari sconsiglio il cambio obiettivo. Si viaggia solitamente in jeep, si fanno pezzi su sterrato poi ci si ferma e si guarda/fotografa e spesso non si ha molto tempo perché gli animali possono anche scappare o allontanarsi. Un cambio obiettivo dovrebbe essere molto veloce e il rischio di fare entrare polvere (che avete anche solo sui vestiti) è molto alto. Io l’ho fatto solo una volta, rischiando un po’ e poi una volta a casa si va di pompetta… ma, ripeto, non lo consiglio.
La morale è che l’ideale, secondo me, è avere dietro due corpi, magari uno con un’ottica lunga e uno con un’ottica corta, in modo da gestire bene situazioni diverse.

Vi riporto di seguito alcune situazioni davanti alle quali vi potreste trovare:

  • Una giraffa molto vicina a voi. Ecco, in questo caso avrete bisogno ad esempio di un 24-70mm e di sicuro non la prenderete interamente se avete montato ad esempio un 100-400mm (potreste essere troppo stretti addirittura con un 70-200mm). Cosa fare quindi? Approfittate per fare un bel ritratto stretto, o giocate con i pattern del pelo, o prendete i dettagli (collo, coda, zampe, lingua,…).
  • Un branco di elefanti lontani. In questo caso un 24-70mm e forse anche un 70-200mm potrebbero non bastare per riuscire a raggrupparli tutti in un frame. Potete approfittarne per fare un paesaggio ambientato, magari se siete anche al tramonto, oppure giocate con la vastità degli spazi.
  • Un uccello su un albero o un ippopotamo in lontananza nel fiume. Con 400mm potreste essere corti. In questo caso 600-800mm potrebbero fare al caso vostro, ma se non l’avete, potete usare un moltiplicatore 1,4x o 2x per allungare l’ottica che avete già (70-200mm o 100-400mm ad esempio).

Quando hai un soggetto davanti, e questo vale per le persone tanto quanto per gli animali, puoi andargli vicino (nei limiti del concesso) con un grandangolo, lontano con un grandangolo, vicino con un tele, lontano con un tele, cosa c’è dietro? cosa c’è davanti? Cosa escludo, cosa includo, cosa mi piace? Un dettaglio, una luce, l’interezza, i colori, la texture, i pattern e ancora, il movimento, la staticità, la fierezza, l’abbandono, la paura, la forza, lo sbadiglio, i denti, la lingua, gli occhi, l’uccellino sulla schiena, il volo, l’atterraggio,… potrei andare avanti ore…
Quindi cerca il tuo scopo, usa il tuo linguaggio e metticelo in quella fotografia che non dovrà essere come lo scattino che fai al gattino in casa con il cellulare al volo, ma dovrà essere qualcosa che meriti di essere mostrata al mondo.

In conclusione qualsiasi obiettivo che deciderai di portarti potrà essere il migliore o il peggiore per le diverse situazioni che ti troverai davanti, per il raggiungimento del tuo scopo. Prova a dare il meglio con quello che hai e, nel caso, a trovare uno scopo anche quando quello che hai, a prima vista, non è giusto.

Cosa ho portato nel mio viaggio fotografico in Sudafrica?

Ecco la mia attrezzatura che non ho comprato apposta ma che avevo già. In alcune situazioni si è rilevata ottima, in altre mi sono dovuto accontentare e adattare. Ho scritto accanto alcuni commenti.

Corpo macchina

  • Sony Alpha 7 III (ILCE-7M3) – Avrei tanto voluto avere un altro corpo per gestire più situazioni contemporaneamente ed evitare i cambi obiettivo. Se ne avete la possibilità, portatene due. Magari un corpo APS-C per sfruttare il fattore 1.5x.

Obiettivi

  • Sony FE 100-400 mm f/4.5-5.6 GM (SEL100400GM) – Secondo me il miglior obiettivo da safari. Sicuramente gestisce egregiamente la maggior parte delle situazioni.
  • Sony FE 70-200 f/2.8 GM (SEL70200GM) – Ora c’è la versione aggiornata: Sony FE 70-200 f/2.8 GM2 (SEL70200GM2). Utile in molte situazioni in caso di animali vicini. Avrei voluto avere lui in un secondo corpo macchina. Non adorando i cambi obiettivo ho spesso deciso di tenere il 100-400mm.
  • Teleconverter 1.4X SEL14TC – Usato in accoppiata al 100-400mm. Mi ha permesso di andare un passettino più lontano.
  • Teleconverter 2X SEL20TC – Perdere due stop e l’evitare di fare tanti cambi obiettivo, mi ha fatto preferire l’1.4x. Il 2x l’ho usato raramente. Sicuramente agganciato ad un obiettivo come il 70-200mm f/2.8 non ti fa salire troppo con gli iso come con il 100-400mm.
  • Sony FE 16-35 mm f/2.8 GM (SEL1635GM) – Usato fondamentalmente per la via lattea, per qualche paesaggio a largo campo e qualche fotografia di gruppo.
  • Sony Zeiss Planar T* FE 50mm F1.4 ZA (SEL50F14Z) – Usato solo per una fotografia più stretta della via lattea e per alcuni ritratti. Obiettivo per niente indispensabile in un comune safari.

Schede di memoria

Cosa mi è mancato?

Forse un monopiede per alleviare il peso.

Quindi? Il miglior obiettivo full frame per safari?

Te lo voglio ripetere, per i miei scopi e in base alla mia esperienza, su corpi full frame, se dovessi scegliere solo un obiettivo da portare dietro, la focale 100-400mm a mio avviso è il miglior compromesso, magari abbinato ad un moltiplicatore 1.4X (che lo trasforma in 140-560 mm). Se il vostro scopo è guardare in faccia gli animali credo che sia la soluzione ottimale. Poi non è troppo pesante e troppo lungo (fisicamente).

Alternative?

  • 200-600 mm / 150-600 mm / 150-500 mm
    • Perché si: va più lontano, non c’è dubbio. Per molti animali potrebbe essere la scelta migliore anche perché qualitativamente (parlo del Sony), oltre i 400mm, è meglio del 100-400 moltiplicato (da alcuni test che ho visto).
    • Perché no: In molte situazioni, a 150-200 mm potresti essere troppo lungo. Poi, rispetto il 100-400, in generale sono obiettivi più grossi, più pesanti e più lungi. Devi fare i conti con i bagagli a mano che sono sempre più piccoli…
  • 70-200 mm f/2.8 + 2x
    • Perché si: avresti un 140-400 mm
    • Perché no: se sei un maniaco della nitidezza, quel 2x te ne fa perdere un po’. Perdi due stop di luce. In alcune occasioni a 400 mm sei troppo corto.
  • 400 mm / 600 mm
    • Perché si: si parla di obiettivi fissi pazzeschi e impegnativi. Sicuramente avrete degli sfocati invidiabili e ottimi stacchi tra i piani.
    • Perché no: tralasciando l’impegno economico di questi obiettivi, potreste essere troppo lunghi e troppo corti in molte occasioni, ma se avete un mezzo di trasporto autonomo che vi faccia da “zoom”, beh, allora sono perfetti.

Qualche link per chi ha Sony

E se avessi due corpi (FF)?

Eh eh… qui la storia si complica. Dipende sempre dai vostri scopi ma si potrebbero fare un po’ di incastri:

  • 70-200 e 100-400(+1.4x)
  • 70-200 e 200-600/150-600
  • 24-70 e 100-400(+1.4x)
  • 24-70 e 200-600/150-600

Magari vi state chiedendo “e com’è che ora compare il 24-70?”. La risposta è semplice: in un safari, per quello che voglio fare io, copre meno casistiche di un 100-400, ma resta un obiettivo che vi permetterebbe di fotografare gli animali troppo vicini, di fare degli “ambientati” o in generale dei paesaggi, e non avrete problemi a prendere le giraffe, vicine, intere. :)

E il miglior obiettivo APS-C per Safari?

Anche in questo caso le soluzioni potrebbero essere diverse (valutate anche i costi e/o gli obiettivi che possedete già), ma probabilmente farei cadere la mia scelta sul:

70-200 mm f/2.8 da FF (quindi semplificando avrete un 105-300 mm). Sarete più corti rispetto un 100-400, ma sicuramente sfrutterete la maggiore luce per abbassare i tempi e/o diminuire gli ISO. In questi contesti i tempi saranno molto bassi e la penalizzazione che avrete su APS-C di circa uno stop rispetto FF la potrete recuperare in questo modo.

Alternative?

In generale vale quanto detto per le ottiche full frame. State sulle stesse lunghezze focali considerando il fattore di moltiplicazione 1.5x. Alle alternative FF sopra citate, aggiungete ovviamente il 100-400 mm da FF che avevo inserito come mio best buy (sfruttando il fattore 1,5x delle APS-C, “otterrete”, passatemi la semplificazione, un 150-600 mm). Sarete lunghetti, ma i primi piani saranno assicurati.

Alternative low cost per APS-C?

Lo spendere il meno possibile è spesso un fattore caratterizzante e allora ecco le mie scelte low cost (prezzo indicativo tra parentesi)… Faccio alcuni esempi per Sony, ma quasi sicuramente avete alternative del vostro marchio preferito:

Ovviamente potete usare anche tutti gli obiettivi FF, tra cui il low cost e già citato sopra:

Tamron 70-300 mm F/4.5-6.3 Di III RXD (circa 450 €)

Miglior grandangolo a focale fissa Sony

Cercate il miglior grandangolo “prime” (a focale fissa) per mirrorless Sony Full Frame (ovviamente adattabili anche su APS-C)? Siete nel posto giusto!

Se invece cercate il miglior grandangolo zoom, cliccate su questo link.

Eh si, lo ammetto, questo è un articolo acchiappa click! Pensate che una delle domande che non sopporto quando vengono fatte è proprio “mi consigliate il miglior grandangolo Sony?”.

Quindi perché ho scritto l’articolo? L’ho scritto sia nella speranza che chi lo legge non ponga più questa domanda così generica nei gruppi di fotografia, sia perché è il frutto di una ricerca approfondita (per i miei bisogni) che avevo svolto e la voglio condividere, sia perché alla fine, per puro altruismo, voglio evitare di far fare agli altri gli stessi sbattimenti che avevo fatto io.

Voglio dirvi subito, però, che non esiste il miglior grandangolo in assoluto. Esiste solo il miglior grandangolo per le proprie necessità/possibilità. Per questo motivo, oltre al mio prescelto, cercherò di consigliarne anche altri…

Miglior grandangolo a focale fissa

Il miglior grandangolo a focale fissa per Full Frame Sony, secondo me, è questo:

Sony FE 20mm f/1.8 G (900 € circa)

Pro:

  • A giudicare dai numerosi video che ho visto, ha una nitidezza pari o addirittura superiore rispetto il Sony FE 24mm f/1.4 GM
  • Ha un costo molto inferiore rispetto i GM!
  • Peso (373 g) e dimensioni (73,5 x 84,7 mm) molto contenuti! Adattissimo ai viaggi.
  • Luminoso.
  • Molto adatto a nightscapes, vie lattee,…
  • Grande qualità costruttiva.

Contro:

  • 20 mm potrebbe essere vista come una focale troppo “estrema”, quindi…

Alternative Sony?

Come sostengo sempre, dipende tutto dal vostro scopo, probabilmente il 20 mm citato sopra per molti di voi risulterà troppo estremo, quindi inserisco di seguito alcune alternative . Mi sento di dire che se non avete problemi di budget, con la serie G/GM di Sony, cascate sempre in piedi. Se invece li avete, ci sono comunque altre validissime soluzioni. Riporto di seguito qualche esempio:

Alternative non-Sony?

Come potete vedere, i prodotti marchiati Sony spaziano in tutte le categorie di prezzo, quindi potete sicuramente trovare un prodotto che fa al caso vostro in quel bacino, ma anche le alternative non-Sony sono innumerevoli, per questo motivo ve ne cito soltanto due economici e di buona qualità:

e poi rimando al super elenco di grandangoli (prime e zoom) che potete trovare a questo indirizzo: https://www.gabrielecaracciolo.com/elenco-grandangoli-sony-full-frame/.